Ufficio e showroom: Ristrutturare o Costruire

Una delle domande spesso poste è:

E’ preferibile ristrutturare o costruire ex novo l’area uffici?

Ristrutturare significa sospendere l’attività per giorni?

La risposta non è mai semplice e va “confezionata” sulla realtà che si sta esaminando. Bisogna, però, dire che nella maggior parte dei casi la ristrutturazione è la risposta corretta e il costruire ex novo non è sempre sinonimo di efficienza.
Una ristrutturazione di un edificio con l’obiettivo di creare benessere abitativo, abbattere le spese energetiche e di manutenzione non può prescindere da un’analisi approfondita e completa. Quest’analisi non è mai a costo zero, impegna risorse e tempo e lo scopo non solo è mettere a nudo la struttura evidenziando i punti deboli e i punti chiave ma soprattutto un’analisi economica dei benefici degli interventi. Inoltre, nella nostra ottica, consente di creare una corretta pianificazione della sequenza degli interventi e delle tempistiche al fine di consentire il minor impatto sull’utenza e sull’attività lavoro.
Senza un’attività di questo tipo si procede per sequenza che alle volte non sono logiche dal punto di vista degli interventi e che rischiano di avere un impatto sull’utenza, sui lavoratori e più di ogni altra cosa non centrare l’obiettivo del risultato. Con una ristrutturazione programmata, anche con un sequenza che può durare più di un anno, si può raggiungere un risultato migliore del 50% rispetto ad interventi non pianificati questa affermazione è supportata anche da studi dell’istituto indipendente americano “Rocky Mountain”.
La costruzione del nuovo, rispetto al passato, è sinonimo di maggior efficienza ma una costruzione che non tiene come obiettivo l’uso degli spazi ma li definisce solo per blocchi senza esaminare il flusso di lavoro e delle funzioni dei lavoratori che occuperanno tali spazi difficilmente raggiungerà l’efficienza energetica, manutentiva, il benessere lavorativo e di accoglienza dei clienti desiderati.